L’Esercito lascia Messina al suo destino – Lettere dal terremoto

(Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2020)

I soldati dell’Esercito a Catania

Giorno 2 marzo. Trasferimento a Santa Teresa di Riva. Qui due rappresentanti del Comitato americano per le baracche, i signori Harry Bowdoin e Charles King Wood, accoglievano le richieste della popolazione. A volte, erano proprio esagerate: c’era chi voleva tavole di legno per «un ricovero tranquillo e sicuro, confacente alla condizione sociale d’avvocato e consigliere provinciale», chi una casa americana smontabile a Messina e una baracca ad Alì, per la villeggiatura. I due americani, allibiti, facevano accordi con un tenente del Genio perchè delle autorità locali non si fidavano affatto.


Il 4 marzo i bersaglieri viaggiavano verso Catania. Pivello lasciava le consegne al caporal maggiore, scontrandosi con la suscettibilità del Sindaco che avrebbe voluto assumere il comando, e montava sul treno. Nell’aria un odore forte di limoni. La città, infatti, produceva un ottimo acido citrico: «ognuno ha il suo piccolo trappeto e lavora u’ limuni dalla buccia polposa, e ne spedisce lontano in damigiane ben riparate e sigillate il succo acidulo e profumato…». 

Finalmente il tempo volgeva al bello, ed era sole, mare e cielo azzurro dappertutto. Curiosa la reazione dei soldati all’arrivo alla stazione di Catania: s’impressionarono alla vista di palazzi di tre e quattro piani ancora in piedi. E poi al passaggio del tram elettrico. Non erano più abituati. Il disastro di Messina aveva confuso i loro ricordi. 

Hotel, paste alla crema e cocktail per dimenticare il dramma messinese

A Catania tornava loro il sorriso e anche la voglia di scherzare. L’amministrazione municipale non aveva pensato a dar loro degli alloggi, si era solo premurata a consegnare un foglietto di carta con lo stemma di Catania, la firma di «A. De Gaetani» e la data, sbagliata, del 4 febbraio, invece che di marzo. Con quel foglietto non riuscirono a farsi dare neanche una stanza. Così Pivello e Ceccarelli decisero di pagarsela da loro, tre lire e cinquanta per sera, e si fecero trattare come dei signori, «così, per ridere». La mattina dopo i commilitoni si riversarono sulla via Stesicorea, «lunghissima, larga, pulita, fiancheggiata da negozi elegantissimi», con tante belle ragazze dagli «occhioni neri e profondi, bocche sinuose e sanguigne, piedini piccolissimi, incedere regale…». Fecero visita ai caffè, mangiarono paste alla crema e bevvero ottimi cocktails. Chi l’avrebbe detto che quelle stesse mani, qualche giorno prima, gettavano i morti nelle fosse? 

Pare che i militari non fossero particolarmente graditi da quelle parti. Era periodo di elezioni a Catania e, fra parti avverse, si sgomitava parecchio. C’era la nuova presenza del socialista De Felice al II Collegio, invece che al I, dove si collocava il compagno di partito Auteri-Beretta. Al II Collegio, infatti, si era presentato un avversario temibile portato dal Governo, ma la mossa di De Felice aveva tolto ogni speranza al candidato ministeriale «perchè quaggiù l’on. De Felice e la Bedda Matri se non sono propriamente la stessa cosa, godono però delle stesse simpatie […] questo ha dato sui nervi al Ministro degli Interni e ai suoi rappresentanti qui, che delle elezioni han fatto quasi una questione personale, e fan fuoco e fiamme, in pieno secolo XX!». 

Il motivo dello spostamento? Le elezioni

Le elezioni non furono proprio una manna dal cielo per i soldati perchè dovettero fare «da spaventapasseri nelle beghe fra Governo e popolazione» e non chiusero occhio per tre giorni. Ogni piccolo contrasto che sorgeva fra i due contendenti, si chiamava l’Esercito. Come si voleva che fosse amato dal popolo? Perchè non si chiamavano i carabinieri o le guardie di P.S.? 

Il 7 marzo, dopo la proclamazione della vittoria di Auteri-Beretta, il partito socialista improvvisò una dimostrazione, portando a passeggio per la piazza un pupazzo di paglia disteso su un carro e intonando un miserere. Questa «passeggiata carnascialesca» fu messa subito a tacere dalle forze dell’ordine con duri pestaggi. Il commissario mandò addirittura a chiamare due compagnie di soldati, ma il maggiore dell’Esercito, vista la tipologia dell’intervento, preferì trattenere le truppe. Che tristezza! Un esercito ridotto a controllare cortili, davanti alla prefettura o al municipio. Da una tintoria vicina provenivano i rumori delle seghe meccaniche e le voci delle donne che intonavano sempre la stessa canzone. L’ironico Pivello, in quel momento di nervosismo generale, invocò tra i suoi commilitoni il suffragio femminile, in modo tale che anche alle donne toccasse impegnarsi durante le elezioni…

Profughi messinesi a Catania

L’emergenza profughi era scattata da molti giorni ormai e i catanesi erano seriamente preoccupati. Si diceva che vi fossero ben 22.000 messinesi a Catania, ma «parecchi son piovuti d’altre parti dell’isola, poichè pare che il mestiere del profugo sia molto fruttifero». La distribuzione dei viveri avveniva davanti a una chiesa, sugli altari c’erano i registri, su un tavolo le bilance, a terra le ceste con le vivande: pasta, lardo, olio, carne, formaggio, baccalà, frutta secca, venti centesimi per il pane. Le tessere personali venivano vidimate con un bollo dopo il ritiro, per non consentire doppie consegne. 

La sera del 9 marzo, alcuni catanesi appena arrivati da Messina s’incontrarono al caffè e ognuno andava dicendo la sua: per uno di loro il Governo avrebbe dovuto mandare diecimila uomini, gettare le rovine in mare, salvare i feriti, seppellire i morti, recuperare gli averi; per un altro, l’operazione sarebbe stata troppo costosa e che, per dirigere i soccorsi, sarebbe bastato nominare un commissario civile accanto a quello militare; un altro ancora riteneva che, in quel frangente, chiunque avrebbe perso la testa, persino Codronchi, e che nessuno poteva dirsi preparato a un terremoto. 

Quale impressione ebbe sull’esercito quella disorganizzazione? È Pivello a toglierci il dubbio: «In Italia l’Esercito è un poco come quegli ombrelli che i francesi chiamano les en tous cas, e servono per la pioggia e il bel tempo». 

Finita la guerra, grazie anche all’opera dei socialisti, ai soldati non toccò altro che il compito di assicurare la pace interna: «L’Esercito è diventato come una vecchia sciabola rugginosa appesa alla parete, che potrebbe anche servire al suo scopo, dopo un’accurata pulizia perchè il metallo ond’è fatta è ottimo, ma che ora serve alla massaia per battere il lardo, e ai marmocchi per spaccare i pezzetti di legno dolce pe’ loro trastulli». 

La differenza tra il generale Mazza e l’on. Micheli

E, a proposito del Mazza: «Colpa sua se questo vecchio soldato per quanto provetto e intelligente stratega e tattico, si sia perduto là dove un vecchio politico abituato, se non ai disastri, ma ad organizzare e a dirigere la massa tumultuosa d’una popolazione e non la compagine fida silenziosa ubbidiente d’un corpo d’esercito, non avrebbe forse perduto la calma facendo molte cose inutilissime e trascurandone altre molte di prima necessità? […] il comandante in capo diveniva medico e sterratore, ingegnere e distributor di soccorsi, e per tema d’essere chiamato responsabile di falli de’ suoi dipendenti, si accollava lui le piccole responsabilità di tutti, dimenticando la propria grandissima. E quei bravi signori che erano nel caffè mi rappresentavano un pò il Governo e la Camera di quei giorni che, credendo d’aver risolto il problema passando il dovere di risponderci a un altro, se ne lavavano le mani, e guardavano noi laggiù come a teatro gli spettatori un dramma: applaudono questo o quell’attore, e se il dramma cade, se ne vanno a casa con la coscienza tranquilla». 

Disordini durante le elezioni: polizia e socialisti

Nei giorni successivi i bersaglieri furono dislocati a Licodia Eubea, a Scordia e a Vizzini per presidiare nuovi seggi elettorali. A Vizzini si candidava il dottor Costa, un radicale contro il candidato ministeriale. A dire la verità il dottor Costa aveva avuto il buon senso di rifiutare la candidatura offertagli dal partito. Ma poi piovvero in paese Colajanni, De Felice e «il suo antico maestro di chirurgia», il senatore Durante, «un altro che, fatto senatore pei suoi meriti scientifici, s’è convinto d’essere un uomo politico», per persuaderlo che «sotto la cappa del cielo italico non c’era un altro più capace di lui a fare il deputato». Il povero dottor Costa, visto il popolino minaccioso, vista la richiesta lusinghiera del partito, decise che «non poteva rifiutare, si rassegnò e si fece portare». D’altra parte anche Giolitti volle prendere posizione in quel collegio, tramite il suo candidato, e la lotta fu veramente animata. C’erano tante guardie di P.S. in divisa e in borghese e tanti carabinieri, nemmeno si fosse ai tempi del brigantaggio. Anche se quel brigantaggio lì, dice Kessler, era tutta un’altra cosa. Qui le forze dell’ordine attaccavano i socialisti, e c’erano scappati anche un buon numero di feriti. 

A Licodia Eubea la povertà era di casa, i vecchi giocavano a carte e circolavano pochi giornali regionali parecchio noiosi. Tuttavia, c’era il Corriere dei Piccoli con le avventure di Fiammiferino e le liti fra Checca somara e sor Ciccio a tenere allegro il nostro Pivello. 

Rientro a Messina a 90 giorni dal disastro

Alla fine della «missione» nel catanese, il battaglione dei bersaglieri ritornò a Messina. Era il 24 di marzo, lo stato d’assedio era già cessato. Nel cuore dei soldati c’era la speranza che la città si fosse ripresa, che i loro sforzi non fossero stati vani e che gli organi amministrativi e il genio civile avessero ripreso a funzionare. In treno si mangiò e si brindò alla città risorta, alla Patria, al Re. 

Messo il primo piede a Messina, invece, i bersaglieri restarono sconvolti «perchè, oggi 26 marzo, dopo 90 giorni dal disastro, Messina è ancora quello che era dopo dieci giorni». 

I soldati ripercorsero le zone dove avevano prestato la loro opera. Non c’erano le strade, le macerie erano sempre lì, insieme ai corpi putrefatti. I vivi abitavano sotto le tende, le baracche erano un terribile sconcio. «A Castanea ho avuto il piacere di vedere le famose baracche del Genio cosiddetto civile. Ah, perdio, amica mia, che vergogna che rossore m’è salito alla fronte! E son queste le baracche in cui deve abitare una popolazione chissà quanto? E per escogitare questa baracca modello l’ing. Simonetti e i suoi accoliti hanno studiato quaranta giorni? E son queste le case che il Governo prometteva ai poveri superstiti?». 

Le baracche fatte costruire dal Governo italiano erano pessime: scatole formato quattro per quattro con due aperture, una anteriore e una posteriore, senza alloggiamento per la cucina nè bagno. Nessuno dei profughi di Castanea volle alloggiarci, preferirono rimanere sotto le tende. Eppure, riporta Kessler, non mancavano nè legname nè braccia. 

L’Esercito lascia Messina

Arrivò il momento dei saluti. Le compagnie dei bersaglieri s’imbarcarono per Napoli. Partirono lentamente, a gruppi di trenta persone, senza dare nell’occhio. 

A bordo dell’Enna, la sera del 26 marzo, Pivello scriveva alla madre che abitava a Sorrento. Le faceva il resoconto dei giorni trascorsi fra morti, feriti, incendi, distribuzione di viveri. Giorni che avevano messo a dura prova il suo fisico e il suo temperamento. A sorreggerlo, «la voce della coscienza del dovere compiuto» e la speranza di ritornare fra le braccia della madre per ricevere la sua benedizione. 


Articoli precedenti sul Terremoto di Messina:

E dopo il terremoto del 1908, cosa accadde?

RITORNO ALLO STATU QUO ANTE Il terremoto, con i ritardi e le inefficienze della macchina governativa, gli aiuti esteri malgestiti, ...
Leggi Tutto

Messina, studi sulla ricostruzione post-terremoto

LA RICOSTRUZIONE Studi, proposte, rilevazioni Il 5 marzo 1909 si era riunita a Parigi, per volontà dell’ing. Flament-Hennebique, la commissione ...
Leggi Tutto

Come erano costruiti gli edifici a Messina prima del terremoto?

La maggior parte dei muri di fondazione, edificati nel sottosuolo quale base d’appoggio degli edifici, restò intatta. Furono i muri ...
Leggi Tutto

Studiosi fra le rovine

Lasciamo dunque la parola ad un altro testimone autorevole del dopo terremoto, il geografo Mario Baratta. Lo studioso, dopo aver ...
Leggi Tutto

Le tre scosse di quel mattino del 28 dicembre 1908

Un folto numero di sismologi dell’epoca, compreso Mercalli, classificò il sisma messano-calabro del 1908 quale il più catastrofico di tutti ...
Leggi Tutto

Scale sismiche e sistemi di registrazione meccanografici dell’800

Non deve stupire questa misurazione empirica dell’intensità dei terremoti, basata esclusivamente sui danni a persone ed edifici. All’epoca, infatti, le ...
Leggi Tutto

L’Esercito lascia Messina al suo destino – Lettere dal terremoto

I soldati dell'Esercito a Catania Giorno 2 marzo. Trasferimento a Santa Teresa di Riva. Qui due rappresentanti del Comitato americano ...
Leggi Tutto

Niente viveri, niente baracche – Lettere dal terremoto

Notte di Capodanno fra le macerie Continua la nostra carrellata sul terremoto di Messina tratta dal diario di un ufficiale ...
Leggi Tutto

Lettere dal terremoto: Messina, una “macchia bianca”

La parola all’Esercito Italiano C’è romanticismo nella lettera di Pivello-Kessler: la stella che lo segue ovunque, l’idea del sacrificio, il ...
Leggi Tutto

Lettere dal terremoto: il diario di un soldato

La parola all’Esercito Italiano La quantità di pubblicazioni e di documenti che mettono sott’accusa l’esercito italiano nel suo intervento di ...
Leggi Tutto

Lo smistamento dei superstiti del terremoto di Messina

Molte città d’Italia s’attivarono per accogliere le migliaia di messinesi scampati al disastro tellurico. Durante le operazioni d’imbarco fu operata ...
Leggi Tutto

Storie del terremoto di Messina raccontate dai giornali dell’epoca

Nel mese successivo al disastro tellurico del 1908, il Corriere della Sera pubblicherà notizie su Messina in primissima pagina, fino ...
Leggi Tutto

Lo stato d’assedio durante il terremoto di Messina

L’immane sciagura destò un sentimento profondo nei contemporanei italiani e stranieri. Di conseguenza ci fu un fiorire di varie produzioni ...
Leggi Tutto

Cronache (distorte) dal terremoto di Messina

Abbiamo già parlato di risentimento isolano nei confronti del governo italiano, trattando i casi Palizzolo e Nasi.  In seguito al ...
Leggi Tutto

Quando Messina era amata in tutto il mondo: la solidarietà internazionale post-terremoto

Nell'articolo precedente abbiamo parlato delle difficoltà di gestione e delle criticità del terremoto di Messina da parte del Governo giolittiano ...
Leggi Tutto

Il Re e la Regina a Messina a due giorni dal terremoto

In una Messina plumbea, sepolta dalle macerie, arrivarono dal mare il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena, la ...
Leggi Tutto

Il giorno dopo il terremoto: i soccorsi russi e inglesi

C’è un libro sul terremoto dedicato alla Russia e allo zar Nicola II. Fu scritto nel 1910 da Giacomo Longo, ...
Leggi Tutto

L’acqua: da risorsa naturale a strumento di potere

Nella Messina descritta da Gaetano Salvemini s'assiste all'assalto al potere da parte della borghesia urbana. L'aristocrazia fondiaria reagisce e, ravvivata ...
Leggi Tutto

“La Voce” di Gaetano Salvemini a Messina

Gaetano Salvemini (1873-1957), storico e meridionalista pugliese, è residente a Messina quando scrive, su «La Voce» del 3 gennaio 1909, ...
Leggi Tutto

Trasformismo «alla messinese»

Alla fine del secolo XIX, l’eguaglianza giuridica sancita dalla rivoluzione francese, ed esportata in metà Europa, non bastava più: la ...
Leggi Tutto

Ottocento borghese: le mani su Messina

Messina, seconda metà dell'Ottocento: ecco la mappa delle attività commerciali e delle proprietà immobiliari del centro storico. Una precisa scacchiera ...
Leggi Tutto

Messina alle soglie di un governo liberale

Messina città dei privilegi e della cattiva amministrazione: abbiamo visto come gli intellettuali dell'Ottocento descrivevano le difficoltà della gestione della ...
Leggi Tutto

Le piaghe di Messina

L'arrivo del re Umberto I e della consorte regina Margherita a Messina nel 1881 fa sperare in un ritorno di ...
Leggi Tutto

Arriva il re!

La rivoluzione borghese del 1848 si poteva considerare un fallimento in piena regola: ai privilegi dell'aristocrazia si sostituivano quelli della ...
Leggi Tutto

Le acque messinesi nelle mani dei privati

Nella Messina ottocentesca gli interventi per contenere le alluvioni costituivano un’importante emergenza, ma quali le iniziative per le acque potabili? Risponde ...
Leggi Tutto

Il dramma delle alluvioni a Messina

Riccardo Hopkins, intellettuale di origini inglesi residente a Messina, è particolarmente critico nei confronti degli amministratori comunali e in un pamphlet ...
Leggi Tutto

Un intellettuale dissidente a Messina: Riccardo Hopkins

Con Le mani su Messina abbiamo assistito al "sacco" ottocentesco di Messina, oggetto di un rinnovamento urbanistico sì, ma anche preda di ...
Leggi Tutto

Le mani sulla città

Nel precedente articolo Messina? Già cancellata prima del terremoto abbiamo visto come Messina fosse stata oggetto di notevoli modifiche urbanistiche, non solo ...
Leggi Tutto

Messina? Già cancellata prima del terremoto

Nel precedente articolo Da «Via del Corso» a «Corso Cavour» abbiamo visto come Messina avesse subito restyling urbanistico con la nascita del Regno ...
Leggi Tutto

Da «Via del Corso» a «Corso Cavour»

Come molte altre città italiane, Messina subì un'operazione di restyling urbanistico dopo la nascita del Regno d'Italia. La città abbandonò ...
Leggi Tutto

Storia del primo telegramma che rese noto il terremoto di Messina al resto del mondo

Alle ore 5:21 l'impiegato postale Antonio Barreca viene sbalzato dal letto dal terribile sisma della mattina del 28 dicembre 1908 ...
Leggi Tutto

Messina 1908: “quale spettacolo terrificante!”

Continua da Storia di un superstite del terremoto di Messina: Antonio Barreca L'animo inquieto di chi prendeva casa a Messina In ...
Leggi Tutto

Storia di un superstite del terremoto di Messina: Antonio Barreca

Articoli precedenti sul Terremoto di Messina: Messina 1908-2018: i 110 anni del terremoto che unì gli italiani più dell'Unità 28 ...
Leggi Tutto

28 DICEMBRE 1908: storia di una tragedia annunciata

Il terremoto di Messina del 1908 non era prevedibile, ma la tragedia sì. 1. «Io fui svegliato dal terremoto, ma ...
Leggi Tutto

Messina 1908-2018: i 110 anni del terremoto che unì gli Italiani più dell’unità d’Italia

Messina, all’alba del terremoto del 28 dicembre del 1908, si trovava già ad avere a che fare con alcuni fenomeni ...
Leggi Tutto

I terremoti: catastrofi o principio di un cambiamento?

Il terremoto e il cambiamento sono legati dal comune denominatore della katastrofé degli antichi greci, un fenomeno improvviso che rompe ...
Leggi Tutto

Banchieri, creditori e procacciatori d’affari: ieri come oggi

Corsi e ricorsi storici sulle banche Ieri, come oggi, le banche, gli istituti finanziari e i creditori puntano all'accentramento delle ...
Leggi Tutto

A proposito di sciame sismico sui monti Nebrodi

Terremoti siciliani Da circa un anno a questa parte si registrano notevoli fenomeni tellurici tra le isole Eolie e l’Etna ...
Leggi Tutto

Gli aiuti statali per il terremoto del 28 dicembre 1908

Il progetto di legge sul recupero del territorio in seguito al terremoto del 28 dicembre 1908, presentato dal Governo e ...
Leggi Tutto

Eterogenesi dei fini nel terremoto di Messina

Come il destino si ritorce sulle azioni umane Nel corso dell'Ottocento, numerosi furono a Messina gli interventi accusatori di ingegneri ...
Leggi Tutto

Tutta la verità sulle 80.000 vittime del terremoto del 28 dicembre 1908

Terremoto di Messina: quale verità? I terremoti degli anni novanta dell'Ottocento, devastanti per la Calabria, crearono seri danni anche agli ...
Leggi Tutto

Il treno di Quasimodo

Quando il poeta arrivò a Messina Messina, dopo il disastro del sisma del 28 dicembre 1908: mentre in città si ...
Leggi Tutto

(1) Tratto dal libro di Dario De Pasquale “LE MANI SU MESSINA prima e dopo il terremoto del 28 dicembre 1908. Giochi di potere, politica, malaffare, potentati locali, rapporti con il governo italiano e resoconto a 100 anni di distanza.”, [2006].

(2) D. De Pasquale, I Marchesi di Cassibile, ABC Sikelia Ed., 2018


Se vuoi ricevere il mio libro GRATIS in formato eBook, lasciami la tua email qui o iscriviti alla mia newsletter

 

 

 

 

 

 

 


 

Articoli consigliati

Tasto destro disabilitato. Iscriviti per riabilitarlo e copiare i contenuti.