OZARK – S1 E7: Il nido / S1 E8: Caleidoscopio

Condividi:
(Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2020)

S.1 E.7 – IL NIDO

Gli Young (il pastore e la sua sposa) hanno issato una croce sul tetto della chiesa in costruzione. Gli Snell sono furiosi e si recano a casa dei Young per tenere fede al loro impegno di omicidio. Marty è lesto a frenarli in tempo e a effettuare la sua controproposta: investire sull’attività degli Snell. Jacob e Darlene si allontanano soddisfatti, ma comunque minacciosi. 

Un luogotenente di Del, un certo Garcia, finge di essere un acquirente di un immobile e ricorda a Wendy di conoscere benissimo le loro mosse e che dovranno consegnare gli 8 milioni di debito a fine estate. Wendy informa Marty della visita ma devono precipitarsi a scuola perché Jona si ritrova di fronte al preside per essersi rifiutato di firmare l’appoggio a una campagna antidroga. Con l’occasione, i Byrde si accorgono che Charlotte manca da scuola. Wyatt, l’ultimo a vederla, li informa che è scappata alla volta di Chicago.

Anche il pastore Young è in ansia e fa una visita agli Snell, informandoli di essere a conoscenza del loro losco traffico di droga a bordo delle barche durante i suoi sermoni. Darlene è pronta a portargli una limonata… Jacob insiste perché il pastore faccia la sua parte…

Wendy instilla in Sam l’idea di costruirsi un futuro tutto suo, investendo il capitale accumulato fino ad allora: 906.000 dollari. Marty si presenta nella tarda mattinata e si trova davanti alla madre Eugenia, che non sembra molto entusiasta della proposta seppur notevole e accattivante di Marty, ma, proprio sull’uscio, quando Marty le fa un complimento per il quadro di una sirena blu (opera di lei), si convince improvvisamente e il bonifico è presto fatto. Marty può ripartire e si rifà della perdita dei 724.000 dollari a favore degli Snell. Tuttavia, per spirito di contrarietà e sempre sottovalutando l’operato del figlio, colloca un cartello di vendita sulla strada anziché sullo spiazzo lato lago e, tappandosi le orecchie per non sentire le lamentele del figlio, non si accorge dell’arrivo di un tir, che la travolge inesorabilmente (46’09).

E, finale travolgente, Wendy e Marty litigano circa le loro aspettative in quella zona dimenticata dal mondo, odiata da tutti e dai loro figli. Un posto dove ti dicono quanto sei cresciuta con l’alito di bourbon, di gente morta o in fin di vita, tra carcasse di animali e affari loschi da bifolchi. E mentre Marty dà della «stronza disonesta» alla moglie, sbattendogli in faccia il tradimento e domandandosi perché sia arrivata fino a quel punto, perché non ci ha pensato quando il suo amante le ha offerto il primo aperitivo o le ha dato il primo appuntamento o le ha fatto “scivolare la lingua in bocca” per la prima volta. Wendy s’indigna e rimette tutto nelle mani del marito, confessando che le mancava il suo affetto, per questo era arrivata a quel punto. Ma non è un motivo valido… qual è la verità, dunque? Marty risponde: “è che mi hai spezzato il cuore”. Non è finita: durante il litigio, con il chiarore della sola luna, Charlotte si tuffa nel lago per una nuotata, ma si è spinta troppo oltre e rischia di affogare…


S.1 E.8 – CALEIDOSCOPIO

Capitolo sostanzioso e il più decisivo dell’intera stagione.

Durante un tragitto in auto, mentre Wendy e Marty si dilettano a parlare dei grandi cambiamenti mondiali causati da piccoli eventi, un pick-up li sperona, facendo deragliare la loro auto. 

Salto all’indietro di 10 anni: nella frenetica città di Chicago, Wendy è in cerca di lavoro nel team delle nuove candidature presidenziali, ma è considerata troppo «datata», Marty e il collega di lavoro Bruce ricevono la visita di Del Rio in qualità di consulenti finanziari, giocano anche a golf con lui. L’agente Petty ha a che fare con la perdita del posto di lavoro della madre, che conosce e apprezza la sua omosessualità.

22:54 «Prendi quello che puoi mentre puoi» è la filosofia di Camino Del Rio, che invita Marty a gettarsi nei suoi affari, riciclando denaro sporco, davanti a un bicchiere di costosissimo whisky. Del Rio vuole un partner preparato e umile, come Marty, perché, dice: «l’integrità, amico mio, è lo scudo per la l’avidità e la vanità». E Marty: «vuoi qualcuno con integrità che per il lavoro deve disfarsi dell’etica?». E se l’etica sociale sarà salva perché Del copre bene le sue attività, l’etica personale può esserlo? Marty ha dei dubbi a riguardo, soprattutto teme cosa ne penserà Wendy…

Intanto, l’agente Petty, che aspira ad arrivare a scoperchiare la pentola del cartello messicano della droga, trova il disappunto teorico del suo capo in ufficio e pratico della madre scoperta mentre sta per iniettarsi una dose di eroina.

Wendy è veramente depressa e vive questo stato di pietrificazione passando dal letto al divano, raggomitolata su se stessa. Mentre Marty fa compagnia ai bimbi piccoli, già curiosi e pronti a prolungare le ore di veglia. È qui che ci accorgiamo che i due coniugi Byrde sono più uniti ma Wendy ha già il profilo di una donna insoddisfatta e annoiata, mentre Marty è baldanzoso e ambizioso, capace di occuparsi del lavoro come della casa e dei bambini. Si profila la crisi di coppia, possibile non appena Marty comincerà a far pesare la sua superiorità intellettuale e la sua capacità di affermazione sociale.

35:07 – Dopo l’incidente, Wendy dichiara di non sapersi più prendersi cura dei suoi figli: «ora sto quasi sempre arrovellata su me stessa. Sono solo un grosso grasso pasticcio esistenziale». A questo punto, Marty propone una vacanza, in un resort appartenente a Del, che gli ha fatto quest’offerta per ripagarlo della consulenza personale sul suo portafoglio. Durante la vacanza, i due discutono sull’opportunità di partecipare all’offerta di lavoro di Del. Il vantaggio sarebbe di non doversi più preoccupare per i soldi… E i contro? La prigione. 

A questo punto, la scena iniziale dell’incidente: mentre l’autista di un pick-up cerca di accendersi una sigaretta, si ustiona con l’accendisigari elettrico e nel piegarsi per raccogliersi perde il campo visivo, impattando con l’auto dei coniugi Byrde.

Nella scena successiva, Marty e il collega Bruce si recano da Del per accettare l’incarico di lavoro. Contemporaneamente, Del deve licenziare il suo consulente precedente, un uomo spregiudicato, senza modi, irascibile, imbroglione. Dice Del «Mente come marito, mente come padre, mente come consulente. La meravigliosa convergenza tra causa ed effetto. Con un po’ di fortuna, o sfortuna nel tuo caso…l’universo è un posto divertente con tutto il suo…caos». Così l’uomo spregiudicato viene fatto fuori sotto gli occhi inorriditi di Marty e Bruce, la scena è ancora più brutale, allorquando uno dei carnefici stacca un occhio dal suo volto, collocandolo in un bicchiere di whisky…

Scena finale in casa Byrde, con gli abbracci fra genitori e figli di fronte agli occhi felici della baby-sitter.

Condividi:

Articoli consigliati

Tasto destro disabilitato. Iscriviti per riabilitarlo e copiare i contenuti.