Le carte del vescovo

Condividi:
(Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2020)

Documenti ecclesiastici

Dopo l’analisi dei documenti pubblici del Regno di Sicilia (periodo comitale, svevo, angioino, aragonese, viceregi) e quelli privati signorili (protonotaro, il primo notaio sicilianocancellerie private) andiamo a una veloce sintesi dei documenti ecclesiastici.

DOCUMENTI VESCOVILI

Hanno la forma delle carte private.

I documenti vescovili si presentano sottoforma di lettera patente, pergamena oblunga e scrittura parallela al lato maggiore, con plica e sigillo pendente, protocollo sempre privo di invocazione, frequente l’arenga.

Corroboratio generica e raramente appare il nome del notaio, vi è l’annuncio dell’apposizione del sigillo e della sottoscrizione del vescovo. Segue la data.

DOCUMENTI SEMIPUBBLICI

Vengono emanati da autorità ecclesiastiche minori (vicari, abati, priori) e ricalcano i documenti solenni di tipo cancelleresco. Per il loro contenuto ‘grazioso’, sono autenticati da un pubblico notaio in mancanza di una cancelleria propria.

Nella corroboratio appare l’ordine dato al notaio di redigere il documento e di apporre il sigillo.


Scarica l’intero compendio gratuito di Diplomatica Siciliana tratto dal testo di Pietro Burgarella, Nozioni di Diplomatica Siciliana, ELS 1991.

Per accedere alla risorsa gratuita, registrati o effettua il Login cliccando qui.

Utile anche per gli studenti e gli studiosi di Archivistica e Diplomatica.

Condividi:

Articoli consigliati

Tasto destro disabilitato. Iscriviti per riabilitarlo e copiare i contenuti.