Condividi:
(Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2020)

Donne al centro del Mediterraneo

Gli studi accademici sulla terraferma sono molto più numerosi di quelli dedicati al mare di Sicilia. Se poi le protagoniste di questi studi sono le donne, le ricostruzioni storiografiche si fanno rarissime, come se si volesse estrometterle dalla memoria ufficiale.

Alcuni studi antropologici degli ultimi anni analizzano il fenomeno: perché le donne sono rimaste escluse dalla storia marinara delle Eolie? Si è temuto il pericolo di una simbolica femminilizzazione del mare eoliano? Tradizionalmente il mar Mediterraneo è il mare di Omero e dell’approdo di Ulisse, da sempre riservato agli uomini, con la sua natura primordiale, tellurica, magmatica. La stessa in cui si muovono le donne-sirene dell’Arcipelago eoliano.

Un tempo, cronologicamente compreso fra Otto e Novecento, le donne delle Isole Eolie affrontavano i marosi, immergendosi in battute di pesca: remavano, tiravano le reti, tenevano i figli e, una volta a terra, cucivano le reti, dissodavano i campi, raccogliendone  i frutti, cucinavano le pietanze per la famiglia. Una vita intensa, a contatto con il lavoro quotidiano.

Dopo la Seconda guerra mondiale il loro supporto in mare non era più richiesto e la loro storia finiva lasciando poche tracce nell’iconografia ufficiale del luogo e persino nella memoria degli abitanti.

Perché si è persa la memoria delle donne pescatrici delle Isole Eolie?
Una damnatio memoriae non meritata, vista l'intensa attività marinara condotta fino a cinquanta anni fa dalle donne isolane. Con il progetto LE SIRENE DELLE EOLIE, vorrei riportare alla luce le storie di queste donne che hanno contribuito a creare la vita presente delle Isole Eolie, ricordandole attraverso una rinnovata iconografia.
Per rinnovare la memoria di un mondo che tende sempre più a dimenticare sarà attivata una raccolta fondi finalizzata:
- alla ricostruzione storica della pesca al femminile, da cui ricavare un documentario;
- alla realizzazione di una statua commemorativa che attesti per sempre la presenza di queste donne lavoratrici, mogli, madri, sorelle delle Isole Eolie.
INCANTATI
Sì, voglio ricevere più informazioni sul progetto "Le Sirene delle Eolie" (seguici anche su Facebook).
INNAMORATI
Vorrei dare un mio libero contributo a favore del progetto "Le Sirene delle Eolie" (versamento SICURO con PAYPAL).
AMMALIATI
Iscriviti e ricevi GRATIS il nostro ebook sulle Isole Eolie.

 

Condividi:

Articoli consigliati

Tasto destro disabilitato. Iscriviti per riabilitarlo e copiare i contenuti.