Condividi:
(Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio 2021)

di Michela D’Angelo
Prologo: Attard da Malta e Attard da Messina.
Anno di pubblicazione: 2016


Circa 25 anni fa [a metà degli anni ’90, ndrJoseph Attard Tabone venne a Messina per svolgere ricerche su Charles Frederick de Brocktorff (1775-1850) e sul suo matrimonio con una giovane donna siciliana quando de Brocktorff era in Sicilia come soldato dell’esercito britannico durante le guerre napoleoniche.
Mentre si trovava a Messina, Attard Tabone ha cercato persone con lo stesso suo cognome. Conosce due discendenti della famiglia Maltese venuta a vivere in Sicilia durante le guerre napoleoniche. Ricordo ancora quel primo incontro tra Attard Tabone di Malta, e i fratelli Eugenio e Giorgio Attard di Messina. Eugenio e Giorgio non avevano alcun legame familiare con Joe, ma condividevano solo un cognome comune e un’origine maltese comune. Questo incontro a Messina è stato importante per me poiché ho conosciuto bene i fratelli Attard. Da quel primo incontro ho studiato la storia di questa interessante famiglia e ora posso apprezzare meglio il suo contributo alla storia di Messina.


Da Malta a Messina: Melchiorre Attard (1768–1844)

È una lunga storia familiare. Tutto iniziò nel 1760 quando Antonio Landolina, un nobile siciliano nato nel 1750, entrò a far parte dell’Ordine di San Giovanni a Malta. Fu ammesso come Paggio del Gran Maestro il 9 luglio 1762 e nominato Cavaliere il 16 gennaio 1767. Quasi un anno dopo, il giovane Cavaliere ebbe un figlio, che nacque al Knights Hospital e fu battezzato il 6 gennaio 1768 come Melchiorre Attard, poiché la madre era una ragazza maltese, Maddalena Attard. Ha dato il suo cognome al bambino perché il cavaliere non poteva riconoscerlo come suo figlio.

Trent’anni dopo, quando Napoleone pose fine al governo dei Cavalieri a Malta (1798), Antonio Landolina tornò in Sicilia. Poco dopo Maddalena Attard insieme al figlio Melchiorre Attard e alla moglie Maddalena Fallanca Chetcuti lasciano Malta anche per la Sicilia. Con il tempo avevano 8 o 9 figli: Giuseppe (1800-67), Nicola (1802-83), Teresa (? -?), Costantina (c.1805-82), Vincenza (1808-93), Tommasina ( 1810–49), Giorgio (1813–1904), Rosa Maria (1818–98 circa) e Antonio (1823–1959), tutti nati a Messina tranne Giorgio che nacque a Catania.

La famiglia Attard risiedeva prima a Catania e subito dopo si trasferì a Messina. A quel tempo il porto franco di Messina era il luogo principale per il commercio marittimo tra Sicilia, Malta e Gran Bretagna durante il blocco continentale napoleonico. Melchiorre Attard svolse attività commerciali e nel 1815 acquistò a Messina uno “sciabecco” [imbarcazione veloce, ndr] per conto del mercante maltese Carlo Cassar. Durante un periodo di oltre 30 anni di attività ha raggiunto una buona posizione economica e sociale ed è stato talvolta indicato come “trafficante” (commerciante) e più spesso come “proprietario”.

Quando Melchiorre morì all’età di 76 anni nel 1844 (due anni dopo la morte della moglie), la famiglia Attard era ben integrata nella vita economica e sociale non solo a Messina, ma anche a Scordia. In questo paese vicino a Catania, Nicola Attard raggiunse una posizione di rilievo come amministratore del patrimonio di una nobile famiglia.
Palazzo Attard in Piazza Italia e Via Attard, entrambi a Scordia, sono una testimonianza del successo ottenuto da Nicola e dai suoi discendenti.

A Messina gli altri tre figli di Melchiorre e Maddalena erano funzionari statali (Giuseppe era cancelliere del tribunale, Giorgio il custode-direttore del Cimitero, Antonio un impiegato). Due delle figlie, Costantina e Maria Rosa, si sposarono in due famiglie borghesi (Correnti e Castronuovo rispettivamente), mentre Tommasina rimase zitella e Vincenza divenne suora.

Le generazioni successive degli Attard, sebbene tutte nate a Messina, conservarono la nazionalità britannica come eredità maltese. Infatti, nel 1872 Domenico Attard (1846-1906), un avvocato, figlio di Antonio e nipote di Melchiorre, registrò la nascita del figlio Antonio William Lio negli atti del Consolato britannico a Messina.

La tomba della Famiglia Attard al Cimitero di Messina

Joseph Attard Tabone con Giorgio Attard della famiglia Messina Attard presso la tomba di famiglia.
La tomba della famiglia Attard, oggi.

“Un vecchio signore dalla lunga barba bianca”: Giorgio Attard (1813–1904).

Gli Attardi sostenevano il Risorgimento italiano, come altre famiglie straniere, ben integrate nella società locale (Peirce, Grill, ecc.). La bandiera inglese è stata più volte esposta sulla casa degli Attardi come espressione di partecipazione agli ideali risorgimentali. Giorgio Attard, in particolare, condivideva le idee politiche di Giuseppe Mazzini e portava barba e cappello in stile repubblicano. Nel 1848 prese parte alla rivoluzione messinese combattendo insieme ad altri patrioti contro la monarchia borbonica. Quando re Ferdinando II (“re Bomba”) ordinò alle sue truppe di bombardare Messina con pistole e granate, la famiglia Attard subì gravi danni. Giuseppe e Tommasina hanno dichiarato perdite di 217 onze.
Secondo la leggenda di famiglia, la vita privata di Giorgio era di disaccordo con il padre, che era contrario al matrimonio di Giorgio con una ragazza messinese. Nel 1844 Giorgio sposò Letteria Vitale ed ebbero 3 figli, Melchiorre (1846–67), Eugenio (1850–84) e Placido (1854–1910). Dopo la morte del figlio Eugenio, sposato con Natalizia Grasso, il settantenne Giorgio, si prese cura dei nipoti, in particolare di Vincenzo Giorgio, che in seguito seguì le orme professionali del nonno ereditando l’amore e la dedizione per “il tempio delle sacre memorie”.

Vincenzo Giorgio Attard (1878-1956)

Una fotografia molto significativa scattata alla fine del XIX secolo può spiegare, meglio delle parole, il ruolo della famiglia Attard come custode e custode delle memorie cittadine. Questa immagine mostra Giorgio Attard come un vecchio gentiluomo dalla lunga barba bianca, mentre il giovane e magro nipote Vincenzo Giorgio giace sul prato sullo sfondo del Cimitero di Messina. La vita professionale di Giorgio Attard è stata infatti strettamente legata alla storia del Gran Camposanto di Messina sin dalla sua apertura ufficiale nel 1872. Giorgio è stato il suo primo Custode o custode per più di 30 anni.

Dopo il terremoto del 1908 il nipote Vincenzo Giorgio è stato Custode per 40 anni. Per quasi un secolo questo ramo della famiglia Attard ha svolto il ruolo di guardia e conservazione del Cimitero Monumentale di Messina, e successivamente delle memorie della città.

Per la memoria del paese: Vincenzo Giorgio Attard (1878–1956).

Dopo il terremoto del 1908 Vincenzo Giorgio Attard ha assunto la carica del defunto nonno Giorgio, che era stato a lungo il suo mentore. Alcuni anni dopo sposa Giulia Preitano, figlia del maestro e scrittore Pietro Preitano. Hanno avuto quattro figli, Aurora (1915–96), Eugenio (1916–2010), Italia (1918–2018) e Giorgio (1921–98).
Oltre alle orme professionali del nonno, Vincenzo Giorgio Attard ha seguito anche quelle del suocero, molto attivo nella vita culturale messinese. Nel 1881, ad esempio, Pietro Preitano pubblicò Biografie cittadine, una raccolta di biografie di notevoli cittadini che si erano distinti nel corso dell’Ottocento a Messina in vari modi, dalla politica all’economia, dalla cultura all’arte, ecc.
Nel 1926 Vincenzo Giorgio Attard pubblica Messinesi insigni del secolo XIX sepolti nel Gran Camposanto per commemorare circa 80 cittadini illustri, che avevano svolto un ruolo significativo a Messina nel secolo precedente. Oltre alle trascrizioni delle iscrizioni funerarie e delle lapidi delle loro tombe, ha svolto ricerche su queste persone e aggiunto preziosi schizzi biografici, che in molti casi sono, fino ad oggi, l’unica fonte di informazione sui meno conosciuti o dimenticati tra questi cittadini. Questo libro, insieme a Biografie cittadine di Pietro Preitano, è uno strumento utile per conoscere la storia della città e dei suoi abitanti.

Le ricerche di Attard sul Cimitero Britannico di Messina

Alcuni anni dopo Vincenzo Giorgio Attard effettuò ricerche simili sul Cimitero Britannico che custodiva le tombe di molte famiglie inglesi e straniere (tedesche, svizzere, danesi, russe, ecc.) residenti a Messina dall’inizio del XIX secolo. Durante le guerre napoleoniche, quando Gran Bretagna e Sicilia furono alleate contro la Francia, questo cimitero fu destinato prima ai soldati dell’esercito britannico a Messina e poi ai mercanti stranieri non cattolici che vi rimanevano o arrivavano dopo il 1815.

Nel 1942, durante la seconda guerra mondiale, le tombe del Cimitero Britannico furono trasportate al Gran Camposanto dal sito originario vicino al porto. Per sua iniziativa Vincenzo Giorgio Attard, che ha curato questo lavoro in qualità di custode, ha trascritto lapidi e iscrizioni funerarie di circa 280 tombe e ha iniziato a svolgere ricerche sulla storia del cimitero britannico e degli stranieri ivi sepolti. L’importanza di questa ricerca fu evidenziata sul “Times” e successivamente anche sul “Giornale di Sicilia” del 1947.
La sua ricerca con epigrafi, appunti ed elenchi è stata pubblicata nel 1995 nel libro postumo Il Cimitero degli Inglesi. Questa preziosa opera rimane oggi la fonte principale e, in molti casi, l’unico riferimento per la ricerca sulle famiglie di mercanti stranieri residenti in Messina prima del terremoto del 1908.
Come i suoi antenati, Vincenzo Giorgio Attard ha dato il suo importante contributo alla storia di Messina con le sue ricerche e libri.

I suoi discendenti hanno continuato la tradizione di famiglia a Messina con le loro attività culturali – Eugenio e Aurora come insegnanti, mentre Giorgio come giornalista e scrittore.
I loro figli e figlie, nipoti e pronipoti residenti a Messina e in altre città italiane sono la testimonianza vivente di una storia familiare iniziata oltre 200 anni fa quando il patriarca Melchiorre Attard lasciò Malta con la madre e famiglia e si trasferì in Sicilia.

Michela D’Angelo


 

Condividi:

Articoli consigliati

Tasto destro disabilitato. Iscriviti per riabilitarlo e copiare i contenuti.